Fisiatria Flebologia Geriatria

Fisiatria Flebologia Geriatria

L'allungamento della vita media e il conseguente progressivo invecchiamento della popolazione ha determinato l'aumento di patologie croniche ad alto impatto assistenziale con una crescita esponenziale di richieste di prestazioni sanitarie e consequenziale aumento dei costi sociali ed economici.

In particolare nel campo flebologico è emerso che in Italia, circa 19 milioni di individui soffrono di insufficienza venosa cronica a livello degli arti inferiori e questo ne fa la terza patologia dopo allergie e ipertensione.

Anche le patologie nel campo delle malattie osteoarticolari sono in continuo aumento, in Italia infatti, 13 milioni di cittadini soffrono di dolori cronici (1 su 4).

Da un recente studio epidemiologico è emerso che il medico di medicina Generale segue personalmente l'80% dei pazienti affetti da tale patologie (pazienti con problemi di natura flebologica, osteoarticolare e causati dall'avanzamento dell'età) senza far ricorso all'aiuto dello specialista. Il 50% di questi pazienti, dichiara di non aver ricevuto un'assistenza adeguata né terapie soddisfacenti.

Il medico di medicina Generale e lo specialista possono modificare sostanzialmente la storia naturale delle patologie osteoarticolari e flebologiche, riducendo fastidi, dolori e disabilità, ritardandone il peggioramento, migliorando la qualità di vita dei pazienti, creando e mantenendo il giusto equilibrio tra le aspettative del paziente e  le strategie terapeutiche, in maniera particolare dai 50 anni di età in avanti. Nella gestione dei pazienti è importante valutare i vari fattori che aggravano o alleviano la sintomatologia e prestare particolare attenzione alla scelta delle terapie e dei farmaci utilizzati anche come automedicazione.

Per un corretto monitoraggio del paziente e per una corretta condivisione delle strategie terapeutiche da utilizzare in caso di tali patologie, è importante e consigliabile l'invio allo specialista (geriatria, fisiatria, flebologia, immunologia.)

 

L'accesso ad alcune aree è riservato, come per legge, ai soli operatori sanitari (medici, farmacisti e infermieri) tramite apposita registrazione dei loro dati e abilitazione tramite concessione di password.